Video section 1: the Shoah (1939 - 1945)

 
In this section some footages are included, obtained by the editing of pictures taken from various sources and archives, such as Yad Vashem (www.yadvashem.org) and Bundesarchiv-Wikimedia: and this has been done in order to give, through the power of the moving images - not always perceivable by means of the ordinary static pics - a different emotional approach to particular dramatic events and circumstances.
.
 
 
  
           Once they lived: Belgrad, Rozanka, Mogilev
 
mogilev fotobanner

 

Video 1

    Questo video è stato ottenuto da immagini conservate presso il Bundesarchiv-Berlin, messe a disposizione di Wikimedia secondo la normativa Creative Commons. Si tratta di tre gruppi diversi di foto di propaganda ritraenti civili Ebrei, scattate da corrispondenti di guerra tedeschi a Belgrado (Aprile 1941), Rozanka (Giugno 1941) e Mogilev. Quelle di Mogilev, in particolare, ritraggono un gruppo di Ebrei, molti dei quali anziani, equipaggiati con attrezzi da lavoro, oltre ad altri intenti a cucirsi la Magen David sull'abito: queste foto furono scattate nel Luglio 1941 e solo pochi mesi dopo, nei giorni 2 e 19 Ottobre, quasi tutti gli Ebrei di Mogilev furono sterminati nel corso di due eccidi di massa pepetrati dai Polizei-Bataillone 316 e 322, supportati dall'Ukrainische-Schuma-Bataillon 51, da personale dell'Einsatzkommando 8 e da aliquote diverse della Sichereitspolizei. Complessivamente, circa 6.000 Ebrei caddero vittime di questi due eccidi. 
 

 
 
               Watching normality: Warsaw ghetto, 1941
 
varsavia fotobanner
 
Video 2     Video ricavato da immagini conservate presso il BAB, rese disponibili attraverso Wikimedia Commons. Datate 1941, ritraggono numerose scene di vita quotidiana del ghetto ebraico di Varsavia, riprese da fotografi dei reparti di propaganda della Wehrmacht. Per tale ragione, essendo destinate alla diffusione pubblica attraverso i cinegiornali, tanto le inquadrature quanto i soggetti ritratti sono studiati in modo da risultare conformi agli stereotipi razziali antisemiti veicolati dalla propaganda nazista. Al di là di questo, ciò che più colpisce nelle immagini, è la "normalità" delle scene di morte che avvengono nelle strade tra gli sguardi indifferenti dei passanti: un'indifferenza che significa assuefazione da introiettare quale forma di autodifesa, così come rivelato dalla terrea fissità dello sguardo della bambina sfiorata dalla morte dell'uomo disteso vicino a lei.
 
 

 
 
                    That day in Lubny: October 16, 1941
 
lubny fotobanner
   
Video 3       
Questo video è dedicato all'eccidio della comunità ebraica di Lubny, Ucraina, perpetrato dal Sonderkommando 4a il 16 ottobre 1941.
Sebbene non risulti alcun coinvolgimento di reparti dell'Ordnungspolizei, si è deciso di creare egualmente questa clip in forza della straordinaria potenza emotiva e testimoniale che traspare dalle immagini: caso probabilmente unico,  a quanto ci è dato sapere, di "reportage" fotografico scattato nelle fasi immediatamente precedenti l'inizio delle fucilazioni, giunto fino a noi intatto e carico della sua agghiacciante drammaticità.
Per ulteriori dettagli - anche riguardanti l'avventuroso percorso di queste foto, i cui originali sono custoditi negli archivi dell'Hamburger Institut fuer Sozialforschung (HIS) - si veda la pagina che lo Yad Vashem ad esse vi dedica.
Un'ampia selezione di queste foto è stata pubblicata nel volume "Verbrechen der Wehrmacht. Dimensionend des Vernichtungkrieges, 1941-1944", pp. 168-173, pubblicato da HIS nel 2002.
 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set.

EU Cookie Directive Module Information